Con libro di Matilde Estensi una riflessione sul tempo

-

Nella suggestiva cornice del chiostro del Conservatorio di Santa Elisabetta è stato presentato lo scorso 30 agosto il volume di Paola Giovannetti, alias Matilde Estensi, “La danza del tempo”. Si tratta di una raccolta di poesie pubblicate dalla Aletti editore che Paola, brava ed apprezzata maestra del plesso scolastico barghigiano, ha messo insieme per offrire una riflessione sul tema del tempo. Non solo poetessa, ma anche scrittrice, fotografa, pittrice, appassionata di studi religiosi e filosofici, Paola è da sempre legata sia alla sua terra di origine che a quella di adozione, il Modenese, dove per tanti anni ha lavorato; da qui il suo pseudonimo e tanta ispirazione per la sua poesia.

Introdotta dal Presidente della Fondazione Conservatorio di S. Elisabetta Alberto Giovannetti e presentata dalla dr.ssa Sara Moscardini, “La danza del tempo” in particolare ci racconta di un tempo lineare, quello dell’esistenza umana, e di un tempo ciclico che si rincorre come un cerchio, come il trascorrere delle stagioni che è appunto la base strutturale di questo volume, suddiviso nei quattro periodi dell’anno. Ogni stagione invita alla meditazione, soprattutto attraverso gli elementi della natura, attraverso liriche dal linguaggio piano, chiaro e melodioso. Si tratta di componimenti molto colorati, dominati dalle tinte della flora e degli elementi naturali, dove rara è la presenza umana anche se è vivo un continuo invito al riempimento del tempo con le nostre riflessioni. Un invito alla speranza, giacché all’uomo non è dato sapere ma solo credere e sperare: i momenti di serenità che viviamo non sono che frammenti di un tempo immutabile ed eterno di cui facciamo parte, coi nostri ricordi del passato e col nostro presente. Tutto questo conduce ad una meditazione sulla personale ricerca della felicità, che la poesia può aiutarci a trovare.

Paola/Matilde ha concluso la presentazione illustrando i propri studi, la propria concezione di poesia, le pubblicazioni antologiche nazionali che l’hanno vista partecipe e i progetti futuri.

(Foto Pier Giuliano Cecchi)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*