Addio a Balilla, il più giovane combattente dell’XI Zona

- 2

Si sono svolti lunedì i funerali di Marino Lucchesi detto “Balilla”, un soprannome che gli era rimasto addosso dagli anni della guerra, quelli della sua gioventù.
Era, infatti, il più giovane dei componenti della Formazione XI Zona ai comandi di Pippo che ci pensò su per un po’ prima di prenderlo nelle sue fila, troppo piccolo: aveva solo 15 anni.

Ma, il mitico Comandante, non si pentì della sua scelta: Balilla, che prima di divenire partigiano faceva il pastore, infatti, si dimostrò un buon  elemento.  Era entrato nella resistenza assieme ai fratelli Andrea (emigrato e  tutt’oggi residente negli Usa) e Leo, sottotenete dell’esercito catturato e ucciso dalla Brigata Nera di Barga, il cui corpo non fu più trovato.

Combatté con coraggio, e quel maledetto Santo Stefano del 1944 a Sommmocolonia rimase gravemente ferito alla gamba sinistra. Per questo fu insignito della croce al Merito di Guerra.

Membro d’onore della sezione intercomunale Anpi Val di Serchio non mancò mai a una commemorazione, anche se, dopo la guerra, era emigrato in Francia.
Con lui se ne va un pezzo di storia prezioso. Sarebbe stato bello intervistarlo per cercare di memorizzare il più possibile informazioni su quei giorni, aneddoti su quella formazione, unica nella storia del movimento partigiano a liberare le città del nord armati al seguito degli americani.

Sarebbe stato importante, anche perché ormai sono veramente pochi coloro che hanno vissuto quei giorni al fianco di Pippo e sono ancora in vita. Saranno una quindicina e, spesso, non vogliono parlare di quei giorni, i ricordi fanno ancora male e riaprono ferite mai rimarginate. Dobbiamo molto a persone come il Balilla. È grazie a quelli come lui se c’è stata di nuovo la Primavera della Costituzione.

A noi il compito di cercare, ascoltare, ricordare e tramandare. Più che un compito un obbligo morale perché ciò che accaduto non accada di nuovo, ma anche un modo per dire grazie a chi, a quindici anni, decise di andare a combattere per la Libertà.

Commenti

2

  1. vittorio lino biondi


    Caro Luca, rileggo oggi in questo giorno piovoso e uggioso… alcuni articoli, e mi permetto di portare un incremento di conoscenza storica, sempre per capire, perdonare, ma non dimenticare… all’interessante e doveroso articolo in ricordo di “Balilla”. La Brigata Nera che uccise il fratello Leo, non era la Brigata Nera Barga , ma la 36 Brigata Nera “MUSSOLINI”-Lucca ( questa la sua denominazione esatta) che era in transito ( scappavano…) da Bagni di Lucca a Castelnuovo G. via Barga. Nei pochi giorni di sosta a Barga, presso la caserma ricavata nei locali delle scuole di Avviamento Professionale ( credo appena dentro Porta Reale, sulla salita di dx…), torturarono fino alla fine il povero Leo Lucchesi catturato a Bagni di Lucca, e il cui corpo non è stato mai ritrovato! Ho fatto a lungo delle ricerche ( volevo portare un fiore sul punto di morte) andando a ricercare alcune persone viventi allora, ( naturalmente ho gli organici di questi galantuomini…), ma nel tempo sono deceduti e adesso rispondono del loro operato davanti a un Giudice ben più preciso e severo. Il bravo e onesto Antonio NARDINI, all’epoca impegnato su altri fronti, mi ha confermato che la sua fidanzata di allora gli avrebbe detto che i vicini di casa avevano sentito urlare dal dolore tutta la notte il Lucchesi…Per informazione e per non dimenticare.

  2. pier giuliano cecchi


    Leggendo mi son fermato proprio a quel modo di definire la Brigata Nera “di Barga”. Già in un’altra occasione di qualche anno fa, si era i San Pietro in Campo, in un incontro incentrato su memorie simili, a quell’affermazione, fatta da un’importante esponente, mi sentii ribollire e fermai il relatore dicendogli che la Brigata Nera non era di Barga ma arrivata a Barga seguendo la ritirata dell’Asse. Fu accolta a metà la mia osservazione e ora vedo che è rimasta tale e quale, quasi ci fosse un piacere definirla di Barga, senza correggere con stanziata momentaneamente a Barga.
    Pier Giuliano Cecchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*