La collettiva Artefact per inaugurare l’iNStallazione di Venti d’Arte

-

Si lavora alle ultime rifiniture all’iNStallazione di Venti d’Arte, la galleria di arte contemporanea e laboratorio artistico che sarà inaugurato in via Provinciale a Fornaci il 10 gennaio prossimo alle 18.00.Da fondo dismesso, lo spazio dell’iNStallazione, si sta trasformando in un’area espositiva e creativa semplice ma assolutamente adeguata allo scopo: colori neutri e ben combinati per le pareti che accoglieranno le tele, faretti orientati perché ogni cosa abbia la giusta quantità di luci e di ombre, arredamento essenziale perché la sala sia piena solo delle immagini che la mostra inaugurale proporrà.A battezzare questo nuovo spazio sarà la collettiva “Artefatto”, alla quale parteciperanno tre artisti della zona:
Keane, che farà uscire dal suo studio le Nuns, il ciclo di dipinti realizzato sulla presenza discreta ma costante, quasi aleggiante, delle suore a Barga; Sergio Fini che esporrà i New Worlds, i nuovi mondi non geografici ma piuttosto interiori inseguiti (e forse raggiunti) durante la sua ricerca; Nicola Salotti che offrirà al pubblico suggestioni frutto dell’automatismo surrealista: una ricerca sul disegno inconscio, che fa nascere immagini da uno scarabocchio iniziale con la sola guida della non-coscienza, finché oplà, emerge una figura che dice molto, ma ad ognuno in modo diverso.
Tre artisti, tre stili profondamente diversi con in comune l’urgenza di comunicare il soggettivo, certo, ma anche per una necessità collettiva: dar forza al progetto di Nicola Salotti e Lucia Morelli (l’altra anima dell’iNStallazione di Venti d’arte) e cioè comunicare che l’arte è per tutti e non è solo immagine, ma anche contenuto, storia, vissuto; è afferrabile.
Lo spazio in via provinciale 79 vuole essere infatti un posto dove non solo “guardare” l’arte, ma anche produrla, dibatterla, riportarla allo status di cosa fruibile da chiunque; per questo i tre “sacerdoti propiziatori” (non ce ne vogliano per una definizione così roboante) domenica 24 gennaio dipingeranno in extempore, ed in seguito, inizieranno i corsi di rappresentazione grafica e sullo studio del colore tenuti da Federico Baldassini e Nicola Salotti.
Certo il progetto è ambizioso, perché l’iNStallazione non sarà solo una galleria dove esporre né un laboratorio per imparare a dipingere, ma anche un luogo dove capire perché un quadretto figurativo non è più bello di una tela astratta solo perché riconosciamo con gli occhi il soggetto… sarà insomma una bella scommessa per Lucia Morelli e Nicola Salotti, ma ci auguriamo che la nostra zona sia ormai matura per apprezzare e partecipare.


Tag: , , , , , , , , ,

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*