SERENI SU SANITA’: ATTUARE SUBITO IL PIANO ROSSI

-

Il presidente dell’articolazione zonale della conferenza dei sindaci Sereni scrive al direttore generale dell’ASL 2, Oreste Tavanti

La preoccupazione del sindaco di Barga, Umberto Sereni, presidente dell’articolazione zonale dei sindaci della Valle del Serchio, per l’esito della questione del nuovo ospedale di Lucca. Sereni la esprime in una lettera inviata al direttore dell’ASL 2, Oreste Tavanti: “Da quello che riusciamo a capire – scrive – ci risulta che le prospettive di realizzazione di una nuova struttura si siano allontanate. E non è immaginabile il tempo in cui questa situazione sarà modificata. Tale stato di cose ci preoccupa per più motivi. Intanto tengo a ricordare che da parte delle Amministrazioni Comunali della Valle del Serchio e Garfagnana in più occasioni era venuta la sollecitazione alla realizzazione del nuovo ospedale di Lucca che concepivamo necessaria ed urgente per garantire l’innalzamento della qualità delle prestazioni ospedaliere. Quindi vedere allontanarsi la prospettiva del nuovo ospedale è fonte di preoccupazione perché vediamo sparire l’occasione del miglioramento dei servizi ospedalieri del nostro territorio”.

Secondo il sindaco Sereni il sistema ospedaliero dell’Azienda sanitaria è basato sulla compenetrazione dei tre stabilimenti di Lucca, Barga e Castelnuovo, con Lucca che assolve ad una funzione primaria e quello che sta succedendo mette in crisi questo ruolo che esige un radicale intervento di ammodernamento dell’ospedale di Lucca.

“In assenza di questo – continua il sindaco – l’Azienda non può rimanere passiva, ma deve provvedere ad adottare le misure di tutela. Prime fra tutti gli interventi di miglioramento degli ospedali di Castelnuovo e di Barga previsti dal piano Rossi per l’accreditamento”.

Sereni spoiega poi a Tavanti, alla luce di queste premesse, il mesaggio inviato: la sollecitazione al direttore dell’azienda a riconsiderare iinsomma il carattere del rapporto tra Lucca e la Valle e di conseguenza a rivedere priorità e scelte. “Senza alcun indugio si deve procedere nei lavori previsti dal piano Rossi che prevedono interventi di radicale trasformazione per il reparto infantile di Barga e per la chirurgia di Castelnuovo. E’ questa l’unica strada da battere per uscire da una inutile e dannosa polemica nella quale da troppo tempo si trascinano le cose di Lucca. La scelta della Regione più volte ribadita dall’Assessore Rossi è quella del potenziamento delle strutture ospedaliere della Lucchesia; è tempo di passare dalle parole ai fatti. Sollecito un’attenzione particolare per il rafforzamento di personale che si sta adoperando con grande senso di responsabilità per garantire i servizi alle nostre popolazioni”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*