LA RISPOSTA DI TAVANTI A SERENI SUL PIANO INVESTIMENTI

-

Secondo il direttore generale tutto sta procedendo come da programmi

Questo il testo della lettera con la quale il direttore generale dell’Azienda USL 2 di Lucca risponde a quella inviata dal sindaco di Barga e presidente dell’articolazione zonale della Conferenza dei Sindaci della Valle del Srchio Umberto Sereni, il quale – anche alla luce dei problemi per la realizzazione del nuovo ospedale a Lucca – chiedeva ancora più attenzione per gli ospedali di Barga e Castelnuovo.



Egregio sindaco,

faccio seguito alla sua nota, pubblicata dagli organi d’informazione, per comunicare che il processo di accreditamento degli stabilimenti ospedalieri di Barga e Castelnuovo è da tempo in atto.

In questo momento il percorso si sta consolidando ed abbiamo già iniziato a realizzare i lavori previsti nel cosiddetto Piano Rossi e quindi finanziati con il piano regionale degli investimenti 2008-2010.

Gli interventi sugli ospedali della Valle vengono effettuati in base ad un programma ben definito, in modo da procedere con la maggiore celerità possibile ma anche compatibilmente con la necessità di garantire costantemente nelle due strutture risposte sanitarie all’altezza delle attese dei cittadini.

Come già evidenziato in più circostanze, i due stabilimenti sono in fase avanzata di ristrutturazione e messa in sicurezza.

Sono stati effettuati importanti interventi, già presentati alla cittadinanza, mentre tra quelli che restano ancora da attuare o da concludere i più rilevanti sono la realizzazione delle nuove sale operatorie e del nuovo reparto di Cardiologia – UTIC a Castelnuovo e la realizzazione della nuova sala parto e dell’edificio per il Laboratorio-Centro sangue-Dialisi a Barga.

Ci sono poi da effettuare altri interventi meno rilevanti, che sono già stati presentati e definiti nell’ambito della Conferenza dei Sindaci.

Cordiali saluti.

Oreste Tavanti

Nella foto Oreste Tavanti assieme all’on. Raffaella Mariani ed all’assessore regionale alla sanità, Enrico Rossi

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*